5 ciottoli

Switch to desktop
Amministratore

Amministratore

Strumenti a servizio della vita, uniti dal desiderio di condividere i nostri limiti e le nostre risorse come via di aiuto e di salvezza per altri uomini.

URL del sito web: http://www.5ciottoli.it Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

MASTICARE

Pubblicato in Riflessioni

Corpus Domini – Anno A 2014

Per anni mi hanno parlato della masticazione e della dentatura. Per diventare odontotecnico dovevo conoscere la fisiologia e l’anatomia del corpo umano. Nelle lezioni scolastiche non ci siamo mai soffermati su cosa masticare, caso mai c’era più attenzione nel metodo e nella pratica della pulizia dentale. Oggi raccolgo questo percorso ma sono più orientato a curare l’alimentazione, cosa mangiare, dove e quando farlo.

I passi dell'errore

Sir 15,11: Non dire a causa del Signore mi sono ribellato perché ciò che Egli detesta (Lui) non fa. Non dire Lui mi ha sviato perché Egli non ha bisogno di un peccatore.

Quando si parla di peccato ed errore si  pensa subito ad azioni e comportamenti sbagliati, sconvenienti e nocivi. Nella mentalità umana il concetto di peccato viene tradotto per lo più con  fare qualcosa che non va bene. Per questo, quando si deve istruire,  educare  e correggere spesso ci si limita a vietare tutte quelle azioni ritenute scorrette e dannose per se e per gli altri. Ma per chi è confuso e in difficoltà, sapere che un certo comportamento è sbagliato, a volte non basta per riuscire a cambiarlo. Allora scatta il giudizio e la condanna, strumenti forti che puniscono, ma che non risolvono veramente il disagio. Forse c’è qualcosa che dobbiamo ancora capire. Questo versetto del Siracide ci spiega i passi del peccato, la struttura dell’errore, le sue caratteristiche. Ci dona una visione più precisa e sapiente di questa dimensione che non si limita  solo al comportamento e all’azione.

FORZA

Pubblicato in Riflessioni

Domenica di Pentecoste - Anno A - 2014

Quando l’uomo è forte?  Osservo e mi guardo attorno.

L’uomo allenato e atletico ha l’illusione di essere prestante a lungo. Addestrato alla competizione cerca di prevalere sull’avversario, fa sfoggio delle sue vittorie ricordando con piacere chi ha umiliato e sconfitto. Può essere una semplice gara, o un lotta tra governi, ma la forza di prevalere e di dominare è la stessa. Mostriamo muscoli o armi, per intimidire l’avversario, per ricordargli una possibile umiliazione e spiacevoli conseguenze.

VI domenica  T.O. anno A - 2014

Ho “soffiato” a lungo nella mia vita, o forse potrei dire “sbuffato”. L’ho imparato fin da piccolo quando arrabbiato e deluso non accettavo le reazioni e le risposte dei miei genitori. Era un soffio di ribellione, un soffio di presunzione, un soffio per accorciare i tempi, per realizzare i miei desideri e avvicinarmi alle mie richieste. Ho soffiato a lungo perché volevo tutto e subito, rivendicavo spazio e libertà.