5 ciottoli

Switch to desktop

Riflessioni

NATALE

Pubblicato in Riflessioni

Natale 2015

Nasce sempre un'anima che vuole comprendere, che vuole superare l’ignoranza e accogliere il mistero d’amore del Natale. C’è infatti il rischio di ridurlo solo a un tempo di vacanza, o l’occasione per fare dei regali. Il Natale è tempo di luci, di presepi, di solidarietà, di pace, ma prima di tutto è Dio che si fa uomo, in un bambino che nasce, dal nome: “Gesù”.

III domenica di Avvento - 2015

Che cosa chiede l’uomo alla vita se non la felicità? Ma come giungere alla gioia? Bastano la ricchezza, la buona salute, il successo? Chi può essere considerato realmente beato?

LA MELA

Pubblicato in Riflessioni

XXXI domenica - Tutti i Santi 2015

Mi piace la frutta, e quando posso, mi concedo una breve sosta per gustare quello che trovo nel frigorifero. Non mancano mai le banane, e in questo periodo neanche le mele.

XXIX domenica T.O. - 2015

Quanto è diffusa la “mentalità del mondo”, le sue abitudini, la sua prospettiva: dominare per essere serviti! Sembra una strada a senso unico che nasconde però un vicolo cieco. Serve tempo per riconoscere che questa strada non offre mai il pieno successo dei nostri desideri, perché la sete di gloria, di fama, di prestigio seduce e corrompe mente e cuore. Quando viene attivata la “mentalità del mondo”, ci manteniamo inevitabilmente separati l’uno dall’altro.

NOSTALGIA

Pubblicato in Riflessioni

XXVII domenica T.O. - 2015

Quando sei giovane fai molte domande e avanzi richieste. Quando sei adulto devi dare risposte e offrire servizi. E’ evidente in questo tempo, la crisi e il fallimento di molte famiglie. Quanti coniugi incontro per pormi domande, che chiedono, con ragione, se valga la pena insistere nel tentativo di aggiustare un rapporto nato male e che si sta rivelando irrimediabilmente guasto. Non ci sia ama più, ci sono incompatibilità di carattere, ci si fa dispetti, si parla solo per offendere e anche i figli vengono coinvolti nel fallimento dei genitori. Quale senso ha continuare insieme? Può Dio esigere una convivenza che è un supplizio? Non è meglio che ognuno se ne vada per la propria strada e si ricostruisca una vita?