5 ciottoli

Switch to desktop

Riflessioni

XVIII^ domenica T.O. anno A – 2020

E’ curioso: gli occhi guardano continuamente, non sono mai sazi di vedere; le mani per quanto toccano, non si stancano di accarezzare, di costruire; la bocca per quanto ingerisca non sazia mai definitivamente lo stomaco. Potremmo interpellare le neuroscienze per descrivere la “fame” che la nostra mente stimola e garantire la vita del nostro corpo, ma ci affidiamo come cristiani anche alle antiche parole del profeta Isaia: “O voi tutti assetati, venite all'acqua, voi che non avete denaro, venite, comprate e mangiate; venite, comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte.  Perché spendete denaro per ciò che non è pane, il vostro guadagno per ciò che non sazia? Su, ascoltatemi e mangerete cose buone e gusterete cibi succulenti.  Porgete l'orecchio e venite a me, ascoltate e vivrete. Io stabilirò per voi un'alleanza eterna, i favori assicurati a Davide” (Is 55,1-3).

XV^ domenica T.O. anno A – 2020

Quando ci si prepara per un acquisto il venditore cerca subito di tranquillizzarci: “Non si preoccupi il prodotto è affidabile. Estendiamo la garanzia a 4 anni!”. Quando mi si chiede se conosco una badante per seguire un anziano la domanda è sempre: “E’ una persona affidabile?”.

Che affidabilità offre la parola dell’uomo?

CONFIGURA

Pubblicato in Riflessioni

XIII^ domenica T.O. anno A – 2020

Molti siti nella rete, permettono di immaginare il proprio acquisto ancora prima di essere realizzato. Partendo da una base proposta come modello è possibile modificarla, aggiungendo dettagli e accessori – con prezzo maggiorato – per soddisfare più esigenze e adattarle all’acquirente. Il configurare si trasforma in divertimento, sogno e desiderio.

Corpus Domini – Anno A – 2020

Il mio predecessore, ha piantato un albero di ciliegie nel giardino della canonica. Per lungo tempo non ha dato frutti. Era quasi arrivato a toglierlo. Negli ultimi anni è fiorito come non mai. Quest’anno a fine maggio ha dato ottime ciliegie. Ho ringraziato per quelle che ho raccolto e assaggiato. Ne ho regalate parecchie per evitare effetti collaterali. La cosa che più ho apprezzato è stato staccarle dall’albero come segno di gratitudine. Non ho fatto niente per il ciliegio. E’ piantato davanti alla finestra del mio studio. Tutto l’anno lo osservo e ogni giorno quando studio la parola di Dio, quando prego, gli offro un concime spirituale. Sembra funzionare.

MANDO VOI

Pubblicato in Riflessioni

Pentecoste – Anno A – 2020

Circola la notizia in questi giorni di un parroco nel bresciano sottoposto a TSO (trattamento sanitario obbligatorio, disposto per soggetti che presentano uno stato di alterazione considerati pericolosi per la propria incolumità e per quella degli altri). Un semplice sacerdote questo don Gianluca L. che ha una strana abitudine. Anzi tre. La prima è quella di pensare con la sua testa, la seconda è di dire ciò che pensa, la terza quella di pensare cose piuttosto diverse da quelle imposte dal pensiero dominante. E’stato prelevato dalla canonica dalle forze dell’ordine e ricoverato per accertamenti! Leggendo tra i suoi bollettini si intuisce il suo disagio: denuncia il carrozzone dei marpioni della massoneria nella politica nazionale e internazionale, le ingerenze nella chiesa e che i cattolici vanno bene finché fanno opere sociali e tamponano i buchi dello stato. Che sia vero?