5 ciottoli

Switch to desktop

XXVII^ domenica del T.O. – anno A – 2020

Con le migliori intenzioni, offriamo dei consigli a chi amiamo. Senza essere assillanti, nel rispetto della libertà che ci viene consegnata, ci spingiamo oltre i confini del semplice parlare, per avvisare chi cammina con noi del pericolo di certe scelte. E’ avvertire un pericolo prima che accada un evento irreparabile, prima di decisioni che possono ostacolare la vita e la salvezza personale e dell’altro. Così nella storia della salvezza, Dio lancia continui avvertimenti ai suoi figli. Lo ha fatto nel passato e continua a farlo oggi. Sarebbe ingrato continuare a restare sordi o insensibili a questi segni di amore, per non dire pericoloso! Qualcuno li può leggere come minacce, perché a volte, per lanciare un avvertimento si usano toni decisi, risoluti; comunque sia, nascondono sempre e solo un unico desiderio: la nostra felicità. Una verifica dei frutti prodotti.

CERCATE

Pubblicato in Riflessioni

XXV^ domenica del T.O.  – Anno A  2020

A sei mesi dell’inizio del “lockdown”, sono ripartite le scuole in presenza! Dopo le misure di contenimento restrittive all’inizio della pandemia di Covid19, siamo riusciti ad avviare il nostro percorso scolastico. Ma chi ci ha istruito in questi mesi? Quale opportunità di crescita ci ha consegnato questo periodo? Quale consapevolezza? Quali priorità?

PROFEZIE

Pubblicato in Riflessioni

XXIII^  domenica T.O. anno A – 2020

C’è chi suggerisce di andare ad abitare a 600 m. di altitudine per i cambiamenti climatici; chi di costruire un rifugio, un pozzo e di fare scorte alimentari per 3 mesi; che la pandemia di covid 19 è un avvertimento per i cuori e le ossa inaridite, per la nostra conversione; che siamo invasi da ogni forma di idolatria e al degrado morale, dove non scandalizza più nulla e ogni abominio verso la vita è considerato legale o normale; che la Chiesa è allo sfacelo e i suoi ministri dei noncuranti, che ci aspetta una grande tribolazione e tre giorni di buio,… Di fatto non mancano gli spunti per fare profezie in questo periodo. Ma ci sono ancora profeti per farle? Ci sono ancora anime pronte a riconoscere che molti degli eventi che tanto ci colpiscono sono la conseguenza dei nostri peccati?

XVIII^ domenica T.O. anno A – 2020

E’ curioso: gli occhi guardano continuamente, non sono mai sazi di vedere; le mani per quanto toccano, non si stancano di accarezzare, di costruire; la bocca per quanto ingerisca non sazia mai definitivamente lo stomaco. Potremmo interpellare le neuroscienze per descrivere la “fame” che la nostra mente stimola e garantire la vita del nostro corpo, ma ci affidiamo come cristiani anche alle antiche parole del profeta Isaia: “O voi tutti assetati, venite all'acqua, voi che non avete denaro, venite, comprate e mangiate; venite, comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte.  Perché spendete denaro per ciò che non è pane, il vostro guadagno per ciò che non sazia? Su, ascoltatemi e mangerete cose buone e gusterete cibi succulenti.  Porgete l'orecchio e venite a me, ascoltate e vivrete. Io stabilirò per voi un'alleanza eterna, i favori assicurati a Davide” (Is 55,1-3).

XV^ domenica T.O. anno A – 2020

Quando ci si prepara per un acquisto il venditore cerca subito di tranquillizzarci: “Non si preoccupi il prodotto è affidabile. Estendiamo la garanzia a 4 anni!”. Quando mi si chiede se conosco una badante per seguire un anziano la domanda è sempre: “E’ una persona affidabile?”.

Che affidabilità offre la parola dell’uomo?

CONFIGURA

Pubblicato in Riflessioni

XIII^ domenica T.O. anno A – 2020

Molti siti nella rete, permettono di immaginare il proprio acquisto ancora prima di essere realizzato. Partendo da una base proposta come modello è possibile modificarla, aggiungendo dettagli e accessori – con prezzo maggiorato – per soddisfare più esigenze e adattarle all’acquirente. Il configurare si trasforma in divertimento, sogno e desiderio.

Corpus Domini – Anno A – 2020

Il mio predecessore, ha piantato un albero di ciliegie nel giardino della canonica. Per lungo tempo non ha dato frutti. Era quasi arrivato a toglierlo. Negli ultimi anni è fiorito come non mai. Quest’anno a fine maggio ha dato ottime ciliegie. Ho ringraziato per quelle che ho raccolto e assaggiato. Ne ho regalate parecchie per evitare effetti collaterali. La cosa che più ho apprezzato è stato staccarle dall’albero come segno di gratitudine. Non ho fatto niente per il ciliegio. E’ piantato davanti alla finestra del mio studio. Tutto l’anno lo osservo e ogni giorno quando studio la parola di Dio, quando prego, gli offro un concime spirituale. Sembra funzionare.

MANDO VOI

Pubblicato in Riflessioni

Pentecoste – Anno A – 2020

Circola la notizia in questi giorni di un parroco nel bresciano sottoposto a TSO (trattamento sanitario obbligatorio, disposto per soggetti che presentano uno stato di alterazione considerati pericolosi per la propria incolumità e per quella degli altri). Un semplice sacerdote questo don Gianluca L. che ha una strana abitudine. Anzi tre. La prima è quella di pensare con la sua testa, la seconda è di dire ciò che pensa, la terza quella di pensare cose piuttosto diverse da quelle imposte dal pensiero dominante. E’stato prelevato dalla canonica dalle forze dell’ordine e ricoverato per accertamenti! Leggendo tra i suoi bollettini si intuisce il suo disagio: denuncia il carrozzone dei marpioni della massoneria nella politica nazionale e internazionale, le ingerenze nella chiesa e che i cattolici vanno bene finché fanno opere sociali e tamponano i buchi dello stato. Che sia vero?

VI^ domenica di Pasqua – Anno A 2020

“Divergenti”, è il titolo di un film (2014) che racconta di una società divisa in fazioni. E di fazioni da scegliere ce ne sono sempre, in ogni tempo e in ogni società. Gli Abneganti (conducono una vita semplice e altruista), i Pacifici (credono nella felicità e armonia per produrre cibi per la popolazione), i Candidi (perseguono onesta e verità nella gestione della giustizia), gli Eruditi (perseguono la logica e la conoscenza, sono insegnati, scienziati e dottori si dedicano alla ricerca e alla cultura), gli Intrepidi (con carattere coraggioso a difesa dei confini). A 16 anni gli abitanti della città vengono chiamati a scegliere liberamente la propria fazione, al di là del sangue di appartenenza, della famiglia, grazie ad un test attitudinale. Fatta le scelta questa è definitiva. Chi poi viene escluso dalla fazione scelta, perché considerato non idoneo, diventa automaticamente un “Escluso”, una classe di poveri emarginati. Il sistema di potere teme solo un tipo di persone che non aderiscono ad una vera e propria fazione, i Divergenti, considerati poco controllabili, non allineate. Sono loro che possono alterare gli equilibri e la consapevolezza degli altri, capaci di distinguere la realtà dal finto che ipnotizza e spersonalizza. Questo è sempre pericoloso, non solo nel film ma in ogni società e cultura, per chi vuole dominare sugli altri. Questi ultimi mesi ne sono una prova.